Raphael Gualazzi in concerto per i referendum sul lavoro

Sarà un grande evento musicale quello che la Cgil regalerà alla città di Reggio Emilia il prossimo 29 aprile. Sarà infatti il concerto del cantautore e compositore Raphael Gualazzi a segnare una delle tappe della campagna sui referendum popolari per il lavoro che si sta snodando sul nostro territorio (l’abolizione dei voucher e regolamentazione degli appalti).

La Camera del Lavoro unitamente alla Cgil Emilia Romagna e in collaborazione con Arci, porterà il musicista umbro in piazza Martiri del 7 Luglio (ore 21.30) per un evento gratuito capace, attraverso la musica, di parlare a più generazioni in un ottica che vuole rilanciare un messaggio di trasformazione del paese imperniato sull'idea di un lavoro libero e con diritti che, liberando se stesso, crea nuovi spazi di democrazia e di giustizia sociale.

Tappa quella del 29 aprile di un percorso variegato che vede momenti di divulgazione sui temi del referendum, volantinaggi, approfondimenti e assemblee ma anche spettacoli e concerti. Tutto in vista del 28 maggio prossimo data in cui, se il Parlamento non sarà ancora intervenuto legiferando su voucher e appalti, i cittadini avranno la possibilità di andare a votare per cambiare lo stato delle cose in materia di diritti del lavoro.

“Abbiamo deciso di organizzare questo concerto – spiegano Guido Mora (Segretario Generale Cgil Reggio Emilia) e Luigi Giove (Segretario Generale Cgil Emilia Romagna)- per rilanciare i temi della campagna referendaria promossa dalla nostra organizzazione e, contemporaneamente, l'idea di un progetto di generale cambiamento della società imperniato sulla carta universale dei diritti del lavoro. Abbiamo l'onore di ospitare un grande artista per un evento di festa nel quale politica e cultura riacquisiscono una dimensione di grande rilievo. Un concerto gratuito che non solo risponde ai nostri fini istituzionali, ma che ripropone anche l'idea di una dimensione pubblica della città, aperta ed accogliente”.

Raphael Gualazzi ha sempre sperimentato diversi generi musicali, dando vita ad uno stile personalissimo, tra stride piano, jazz, blues e fusion. In questi mesi ha portato in giro per l’Italia la sua musica con il LOVE LIFE PEACE tour.